Inaugurerà nel 2016 il primo Barcamper Garage a Bologna: spazio di accelerazione per ospitare 50 startup innovative

Il prossimo anno dpixel inaugurerà il suo primo Barcamper Garage, uno spazio di accelerazione e innovazione a Bologna  che ospiterà oltre 50 startup selezionate durante i tour di scouting del nostro camperone. Il Barcamper Garage è un primo mattone del Progetto Primomiglio e il nostro obiettivo è creare a Bologna un hub di innovazione e imprenditorialità portandovi le migliori e più promettenti startup che incontriamo viaggiando per scouting in tutta Italia.

Barcamper Garage sarà collocato presso l’Istituto Aldini Valeriani, una scuola di eccellenza nella formazione tecnica superiore grazie al supporto di Unindustria e il Comune di Bologna. L’Aldini Valeriani è una bella istituzione cittadina con 160 anni di storia, un polo di eccellenza che ha formato praticamente tecnici, maestranze e imprenditori che hanno negli anni fondato e fatto prosperare aziende di successo. Fondato da due scienziati (un fisico e un economista) è stata la prima scuola tecnica superiore gratuita e aperta al pubblico in Italia, circa 160 anni fa. L’Istituto ospita oltre 2000 giovani che studiano all’Istituto materie come chimica, edilizia, elettronica, automazione, energia, informatica, meccanica tutti campi di grandissimo interesse per il venture capital.

Il Barcamper Garage punta a creare a Bologna un hub di cultura imprenditoriale e di innovazione tecnologica con particolare attenzione alle nuove generazioni attraverso eventi di scouting, workshop, networking ed attività più specifiche di mentoring e supporto alle startup. L’obiettivo è quello di costituire in città un polo in grado di attrarre nuovi progetti imprenditoriali da tutta Italia.

Il Garage di Bologna nasce grazie al supporto di Unindustria, l’organizzazione territoriale degli imprenditori di Bologna, seconda Confindustria territoriale dopo Assolombarda e il Comune di Bologna.

“Siamo orgogliosi di essere parte attiva di questo progetto che attrarrà nel nostro territorio nuove idee imprenditoriali e nuovi investimenti, consolidando così il ruolo di Bologna come capitale della creatività e dell’innovazione. La nostra Associazione scommette ancora una volta, con le proprie risorse e con la propria progettualità, su questo territorio, in un’ottica di crescita continua e arricchimento della cultura imprenditoriale. – ha sottolineato il Presidente di Unindustria Bologna, Alberto Vacchi – Nel ‘Garage’, che sarà ricavato da una riqualificazione di un’area dismessa dell’istituto Aldini Valeriani, creeremo un microclima ideale per coltivare la contaminazione fra imprenditoria e formazione, restando ancorati alla nostra manifattura, ma con lo sguardo proiettato in avanti pronti a stimolare e cogliere nuove frontiere tecnologiche”.

L’apertura del Barcamper Garage a Bologna si colloca all’interno di un più ampio progetto di sostegno anche finanziario allo sviluppo dell’imprenditorialità e dei talenti innovativi che avrà il proprio fulcro nelle attività del progetto Primomiglio già supportato da Fondo Italiano di Investimento, Banca Sella Holding e da oggi da Unindustria Bologna.

“Il progetto che presentiamo oggi è una conferma dell’attrattività di Bologna e del fermento imprenditoriale che si sta registrando. Due anni fa, nel Piano Strategico Metropolitano di Bologna, lanciammo l’idea di creare un fondo per le imprese innovative e di aprire alla collaborazione tra scuola e impresa. – afferma Virginio Merola, Sindaco di Bologna – Oggi l’inserimento di ‘Barcamper Garage’ alle Aldini Valeriani rappresenta quindi un doppio obbiettivo raggiunto. In qualità di Sindaco di Bologna e della Città Metropolitana sono molto contento di affidare questi nostri spazi per un progetto condiviso. Il Comune e la città Metropolitana collaboreranno mettendo a disposizione i propri programmi di promozione delle startup, della creatività e dell’innovazione a partire dalla rete Incredibol!”.

Barcamper Garage Bologna ospiterà su un’area complessiva di circa 800 mq le startup selezionate in tutta Italia attraverso il Barcamper per lavorare a stretto contatto con il team di dpixel e mettere a punto i propri progetti, prototipi, business plan e contatti con gli investitori. Una parte dello spazio e dei contenuti sarà specificatamente dedicato alla fabbricazione digitale e al making.

Annunci

Come è nato Techstars, in una mail

Fantastico il racconto di David Cohen e David Brown di come è nato Techstars: no vision, all drive 


Oggi ho parlato di Sardex

Oggi ho avuto il piacere di partecipare al Festival delle Comunità del Cambiamento, organizzato dall’Associazione RENA, per parlare di monete alternative e di Sardex. Gran bell’evento e un sacco di energia a Bologna in piazza Maggiore. In questa intervista spiego cosa ci abbiamo visto come investitori.

 


Parte TalentLab – spinoff

Ha preso il via questa mattina, presso la Fondazione Mediterranea Terina a Lamezia Terme, il percorso di formazione e accelerazione TalentLab – spin-off, il percorso di formazione promosso da CalabriaInnova.

109 ricercatori calabresi suddivisi in 29 gruppi di sviluppo si sono dati appuntamento fuori dai loro laboratori per seguire la strada che li porterà a confrontarsi con il mercato. Dopo aver superato la prima selezione dell’Avviso Pubblico, oggi hanno iniziato la prima fase: un iter di accelerazione e formazione sui temi della gestione e del fare impresa, focus tecnologici su modelli di business e commercializzazione in base al settore di applicazione dell’idea.

calabria1

Durante la giornata di presentazione del percorso, è intervenuto anche Mario Caligiuri, assessore regionale alla Cultura, che si è complimentato con i ricercatori calabresi: “La scuola e l’università sono la prima industria della Calabria: è dalla cultura e dalla ricerca che deve ripartire l’economia regionale”.

Inizia quindi la prima fase del TalentLab – spinoff che darà l’opportunità di trasformare i migliori risultati della ricerca calabrese in startup. La seconda fase prevede poi una selezione dei migliori progetti e la concessione degli incentivi veri e propri per l’avvio dell’azienda.

29 nuove idee d’impresa, 29 storie di ricercatori calabresi che vogliono fare impresa ad elevato contenuto tecnologico. Per conoscerle e seguirle, c’è un sito apposito, dove sarà possibile trovare tutte le informazioni sui percorsi per spin-off e startup di CalabriaInnova.


Round da 22 milioni di Decisyon

Sono passati 4 anni da quando Cosimo è entrato in Working Capital. Ecco la sua presentazione di Ecce Customer (oggi Decisyon) nel 2010 a Bari. Quattro anni dopo è una delle emerging star del mercato del social CRM.

 

 

 

 

 

 


Greg Horowitt, racconta i fondamenti della Rainforest

Greg Horowitt, in una recente intervista agli ICT Days di Trento, racconta i meccanismi fondamentali delle ‘rainforest’ dell’innovazione e di come costruire e crescere ecosistemi imprenditoriali.


Parte oggi WCAP2014: alla ricerca di 40 startup da accelerare

Quest’anno Working Capital si intitola ‘Make in Italy!’ A Roma presso l’acceleratore WCAP di via Santa Maria in Via ritroverò Salvo Mizzi per presentare il programma di quest’anno insieme a Antonio Puglisi, Gianmarco Carnovale e Antonio Perdichizzi che curano gli acceleratori di Bologna, Roma e Catania.

Da oggi parte la ricera dei 40 team che entreranno nel programma 2014 di Wcap. Riceveranno un assegno a fondo perduto da 25.000 euro, l’accesso gratuito ad uno dei 4 acceleratori, l’inserimento nel programma di accelerazione che si concluderà in Autunno e l’accesso ai vari strumenti predisposti da Telecom Italia (accesso rapido albo fornitori, basket innovazione, collaborazione con le business unit) tra cui il ‘brand new’ fondo di corporate venture capital, che parte con una prima dotazione seed da 4,5 milioni di euro e  il crowdfunding, che verrà lanciato dopo l’estate.

Ci saranno un sacco di ospiti oggi, salutati dal Presidente della Camera dei Deputati, Laura Boldrini. E verrà a trovarci il grandissimo PIF, che ha già visitato la scorsa settimana l’acceleratore di Bologna.

pif wcap

Si parlerà di crowdfunding nelle sue varie forme con Arianna Ciccone (IJF) e Claudio Bedino (Starteed) di open data e digitalizzazione della pubblica amministrazione con Sofia Maroudia (ActionAid Italia), Stefano Quintarelli (Camera dei Deputati) e Alessio Biancalana (C4i).

Si parlerà di policy e scenari dell’innovazione in un panel moderato da Riccardo Luna con Stefano Firpo (MISE), Alessandro Fusacchia (MIUR), Paolo Coppola (Camera dei Deputati), Antonio Palmieri (Camera dei Deputati) e Irene Tinagli (Camera dei Deputati).

Avremo alcune delle nostre startup che presenteranno il loro pitch e il punto a cui sono arrivati e ad ascoltarli abbiamo invitato diversi investitori: Mauro Del Rio (Buongiorno), Andrea Di Camillo (P101), Alessandro Sordi (Nana Bianca), Luigi Capello (LVenture) e Domenico Arcuri (Invitalia).

Partecipate alla discussione usando gli hashtag #wcap e#makeinitaly. Il resto delle info e l’iscrizione sul sito.

Inizia una fase nuova di Working Capital che in questi anni si è continuamente rinnovato, trasformandosi da programma di corporate social responsability a strumento di open innovation e corporate venture. Continua invece incessante la ricerca dei nuovi imprenditori in Italia per dargli una mano a partire e farlo qui a casa loro in Italia. Make in Italy.