Art4bit un’idea nuova in prima mondiale

Si è tenuto ieri sera al Santeria (ma che bel locale!) a
Milano il vernissage di presentazione di art4bit. È la prima
galleria d’arte online che accetta solo ed escusivamente
cryptomonete (ho verificato e accetteranno anche Sardex e monete
complementari!). È un concetto nuovo e potenzialmente
rivoluzionario, perché potrebbe abilitare un nuovo mercato per
l’arte e la cultura. Sganciato dai canali e dai circuiti
tradizionali. I fondatori hanno un sacco di idee molto interessanti
e molto innovative in merito alla direzione che questa strada
potrebbe intraprendere. In bocca al lupo Art4bit, vi seguiremo con
grande interesse.

20131024-091558.jpg

20131024-091624.jpg

20131024-091606.jpg

20131024-091650.jpg

20131024-091616.jpg

20131024-091635.jpg

20131024-091712.jpg

20131024-091657.jpg

20131024-091705.jpg

Annunci

Art4Bit a Milano: arte in cambio di Bitcoin

Tra i vari eventi a cui avevo in animo di partecipare insieme all’amico Funkyprofessor, segnalo questo molto particolare, sfizioso e interessante: Art4Bit.com una galleria online che si finanzia con Bitcoin. Art4Bit , che punta a creare una rete di artisti che si sostenta attraverso le monete virtuali, organizza un vernissage la prossima settimana, il 23 Ottobre alle 18,30 al Santeria, in via Ettore Paladini, 8 a Milano.

art4bit


Marina Abramovich: the artist is present

Grazie RAI5 per avermi fatto scoprire Marina Abramovich.

Rhythm 0, 1974

To test the limits of the relationship between performer and audience, Abramović developed one of her most challenging (and best-known) performances. She assigned a passive role to herself, with the public being the force which would act on her.

Abramović had placed upon a table 72 objects that people were allowed to use (a sign informed them) in any way that they chose. Some of these were objects that could give pleasure, while others could be wielded to inflict pain, or to harm her. Among them were a rose, a feather, honey, a whip, scissors, a scalpel, a gun and a single bullet. For six hours the artist allowed the audience members to manipulate her body and actions.

Initially, members of the audience reacted with caution and modesty, but as time passed (and the artist remained passive) people began to act more aggressively. As Abramović described it later:

“What I learned was that… if you leave it up to the audience, they can kill you.” … “I felt really violated: they cut up my clothes, stuck rose thorns in my stomach, one person aimed the gun at my head, and another took it away. It created an aggressive atmosphere. After exactly 6 hours, as planned, I stood up and started walking toward the audience. Everyone ran away, to escape an actual confrontation


My Arduino pet project

Thanks to Zoe Romano (among other things co-founder of Openwear) that is working on it (I would not be able to do this…yet), I’m finally getting to realize my first  Arduino pet project. It was since I went to Burning Man some years ago that I wanted to realize a LED enriched jacket. So I took an old jacket I love and Zoe is hacking it by inserting on the back a number of golden LEDs, connected to an Arduino board. Audio sensors will drive lights effects, so that my jacket will be able to react to noize, voices and music inputs from my iPod. Here is the status of the project.

BTW, for those that are interested in the Makerspace and happen to be around Milano this weekend, Design Mesh 3D is an event that you should not miss. Check it out on Wefab.


Flickr

Phyllotaxy Poster, fatto con 1.099 immagini raggruppate in circolo. Tutti i diritti sono stati licenziati e selezionati come favoriti almeno una volta. Alcuni dei più popolari sono sul bordo.

http://www.krazydad.com/phyllotaxy/phyllo_closeup.html


Pubblicità e arte

Un genio si è inventato un progetto pazzesco. The Million Dollar Homepage. Ha suddiviso il milione di pixel che compongono il monitor di un computer, in microscopici annunci pubblicitari, centinaia ognuno di dimensioni di pixel diversi. Li ha messi su un server impegnandosi a tenere online quella pagina per almeno 5 anni, ma a seconda del successo del progetto anche di più.

Poi ha messo in vendita ogni annuncio su eBay con un’asta che partiva da 1$ per pixel (qui sotto la foto del negozio).

Il progetto ha avuto un successo enorme. Nel momento in cui scrivo su Alexa è il 1.219mo sito più visitato di Internet.

Avg. Review for milliondollarhomepage.com: 4.5 of 5 stars
Traffic Rank for milliondollarhomepage.com:  1,219

Ha appena finito di vendere il milionesimo pixel. L’asta si è chiusa. Quella pagina sarà così per sempre. Chi c’è, c’è. O al limite la gente si potrà rivendere quei pixel mettendoli all’asta su Ebay, perchè i prezzi saliranno con la notorietà che sta avendo questo progetto geniale che tutto sommato ognuno di noi si poteva immaginare. Il monitor come l’estremo spazio pubblicitario che affascina per la sua genialità, al limite dell’arte. Il progetto ha avuto un successo ed eco enorme e a ha cominciato ad essere imitato. Eccone uno ancora aperto. Il che farà aumentare il valore dei pixel originali già venduti.

Bellissimo articolo del Washington Post.


Cartoon anni '50

link