Pharrel #1


Parte l’open call da 80 milioni di euro della Commissione Europea: all’European Conference on the Future Internet

Sta per partire un nuovo programma della Commissione Europea dedicato a startup e PMI innovative, di cui sono advisor: Future Internet Accelerators.

All’European Conference on the Future Internet di Monaco, il 17 Settembre, verrà presentata la vision della Commissione sul Future Internet, quello delle cose, del M2M, delle smart cities e verranno lanciati 16 programmi di accelerazione. L’accesso ai finanziamenti è aperto e i migliori progetti verranno finanziati, con un budget complessivo di 80 milioni di euro. Prodotti, servizi e applicazioni innovativi, saranno collegati ed integrati ad una piattaforma comune open source per renderli interoperabili, sicuri e ‘telco grade’.

L’invito a partecipare e della stessa Neelie Kroes, Vice-Presidente della Commissione Europea, “the Internet is an amazing opportunity for any kind of innovator”, innovators are now called to attend an event where workshops and real success stories are a true value, thus grasping each and every one of the opportunities that the Internet of the Future has to offer. And of course it is not all about funding, FIWARE accelerators will also offer mentoring and advice to the selected projects. If you are a startup or small business with a bright idea for a new app or service, ECFI is a great way to make your digital dream come true.”

I 16 nuovi acceleratori in tutta Europa lanceranno una propria call per startup e PMI a presentare progetti, prodotti, applicazioni e nuove aziende interessate a sperimentare l’Internet del futuro ed entrare in questo mercato.

Come saranno le città quando gli oggetti intorno a noi potranno interagire con noi e tra loro? Quali nuove applicazioni risolveranno problemi e offriranno soluzioni per migliorare la nostra vita e il nostro lavoro? Smart Everything, i 16 acceleratori sono alla ricerca di startup e progetti innovativi nei settori più diversi: smart cities, energia, media, contenuti, agricoltura, fabbricazione digitale, trasporti, scienze della vita.

Ogni acceleratore ha un suo focus e un suo programma, sia in termini di contenuti che di erogazione del funding: fino a 150 mila euro per startup (no equity, quindi zero diluizione per i fondatori). Ecco la lista sul sito ECFI.

Le applicazioni dovranno fare utilizzo nelle loro applicazioni di una piattaforma open source, che è stata sviluppata nell’ambito del progetto, Fiware, che consentirà di sviluppare rapidamente applicazioni ed integrarle in un sistema che ne consente l’interoperabilità. Ad esempio, come cambierebbe la mobilità, la sicurezza o la gestioni di crisi ed incidenti se mentre giriamo per la città ci possiamo autenticare ai vari sistemi di trasporto garantendo la sicurezza e la privacy dei dati?

Per sviluppare applicazioni della Future Internet, serviranno linguaggi ed interfacce comuni tra sensori, applicazioni, fonti di informazioni, device, persone in grado di parlare linguaggi comuni e scambiarsi dati in tempo reale in un ambiente condiviso. Fiware, punta a fornire una soluzione a questo problema, abilitando sia la prototipazione rapida che l’integrazione dei servizi e delle applicazioni.

All’European Conference on the Future Internet, il 17 Settembre a Monaco, verrà presentato il progetto e i vari programmi di accelerazione, tra cui c’è anche un ottimo programma Italiano, gestito da Buongiorno, con Mauro Del Rio e Simona Torre, chiamato Impact, nel campo dei contenuti, media, social e ovviamente mobile in senso ampio, che si svolgerà a Parma. Oltre ad un progetto in partnership tra ENEL ed Endesa, nel campo dell’energy: Incense.

Sarà possibile anche partecipare a seminari tecnici e traning su Fiware, oltre a conoscere i protagonisti dei vari acceleratori e la struttura delle rispettive call e programmi di accelerazione.

Tutte le call e le relative applications, sono lanciate su F6s.com, e possono essere seguite qui, verranno erogati nei prossimi due anni 80 milioni di euro in grant a fondo perduto. E’ una grande opportunità per tutte le startup Italiane ed è accessibile anche a PMI con progetti/prodotti innovativi, che possano creare valore nel Future Internet.

E’ una grande opportunità per le startup Italiane di accedere a network internazionali e funding dei propri progetti. Un volo low cost e 90 euro di iscrizione ben investiti.

 

 

 


Come è nato Techstars, in una mail

Fantastico il racconto di David Cohen e David Brown di come è nato Techstars: no vision, all drive