Ted Talk, vanity post

Purtroppo per un problema tecnico non sono partite le slide, per cui ho dovuto parlare a braccio. Il titolo del mio talk al bellissimo TedxLecce: “Startup Italia”


Parte Innautic Barcamper Challenge

E’ in partenza un nuovo tour del Barcamper: Innautic Barcamper Challenge in partnership con il Distretto Ligure Tecnologie Marine. Lo scopo del tour è covare nuove idee di innovazione da applicare al mondo della nautica, un settore trainante dell’economia Italiana (un mercato 3,4 miliardi di euro l’anno), anche come export. (Per chi è interessato ad approfondire questo mercato, c’è un report molto completo sul sito di Ucina, l’associazione di settore, qui)

I venti migliori progetti selezionati nel tour parteciperanno ad una Techweek gratuita, nel quale verranno affiancati dal team di dpixel ed esperti del settore, per mettere a punto l’idea e la presentazione agli investitori e le industrie. All’evento finale infatti parteciperanno finanziatori ma anche le della nautica Italiana.

Ecco come partecipare, non occorre avere un business plan, ma una buona idea e la voglia di metterla in pratica. Per partecipare occorre prenotarsi online un incontro sul Barcamper in una delle tappe del tour:


Come e perchè funziona Sardex

…e fiat Sardex! Un bellissimo servizio di GoodNews realizzato da Giorgio Simonetti. Il servizio completo è disponibile in DVD sul suo sito.


L’Italia celebra i suoi eroi: Federico Faggin a Villaverla

L’amministrazione comunale di Villaverla (VI),  Pedemontana.Vi e Nodo, organizzano la prima edizione del premio “Mattoni della nostra storia” il 5 Marzo alle 20.30 presso la Sala Consiliare del Municipio, piazza delle Fornaci 1, a Villaverla.

Il premio sarà assegnato a Federico Faggin, inventore del microprocessore e probabilmente il vicentino vivente più famoso nel mondo.  Faggin è stato premiato nel 2010 da Obama con l’onoreficenza più importante degli US in campo tecnologico. Nel 2006 gli è stato assegnato il premio Inventore Europeo dell’Anno – sezione premio alla carriera. Gli sono state conferite 4 lauree “honoris causa”.

Le altre 16 onoreficenze sono visibili su http://it.wikipedia.org/wiki/Federico_Faggin

Ingresso gratuito ma posti nella sala sono limitati.


Startup e digitale per una società migliore

Venerdi ho partecipato a Digit4Italy, un panel insieme al prestigioso Funkyprofessor, Lele Dainesi e Santiago Mazza (qui il video).  Organizzato da Simone Crolla, Onorevole del PDL, candidato alla Camera. Purtroppo Massimo Sideri si è beccato l’influenza e non è potuto venire. Curiosamente un candidato in campagna elettorale ha organizzato un evento di ‘ascolto’ a cui hanno partecipato anche Antonio Palmieri e Luigi Casero. Il tema è assolutamente cruciale (almeno per come la vedo io): Digitale, Innovazione e Startup: il motore di crescita per l’Italia.

Ovviamente il tema che mi sta a cuore, è quello delle startup. E’ un tema che sta nell’intersezione tra i concetti di sviluppo, innovazione, lavoro ed imprenditorialità. Il tema delle startup e le priorità in questo campo secondo me sono chiari. Per una serie di semplici considerazioni che ho provato ad esporre nel mio intervento.

L’emergenza nazionale oggi in Italia è il lavoro, la disoccupazione e particolarmente la disoccupazione dei giovani. Perchè?

Perchè sono loro i detentori del nostro futuro, sono loro la nostra futura classe dirigente. Milioni di giovani. I nostri figli. Ed una società che non crede nei propri giovani, non ha prospettive. E se non investe nei propri giovani, forse denuncia di non credere più neanche in se stessa.

Ci sono da diversi anni ormai, migliaia di giovani che hanno l’insana idea di fare – oggi, in Italia – gli imprenditori in mercati competitivi come quelli dell’high tech. Da allora si sono susseguite diverse iniziative di legge per finanziare le startup in Italia (tra l’altro giustamente sempre by-partisan, proprio perchè questo tema non ha nessun colore): prima Mosca-Lorenzin, poi Rao, Gentiloni, Palmieri.

Ci sono decine di migliaia di ragazzi nelle nostre Università, nel mondo delle startup. Nei co-working, FabLab ed incubatori. Migliaia di startup in Italia oggi stanno cercando di partire, partecipano a mille business plan competition. E  comunque il primo problema di una startup è sempre lo stesso: riuscire a finanziarsi. Alcune (poche) ce la fanno da sole e comunque anche in quei casi hanno grandi difficoltà a scalare rispetto ai loro competitor stranieri.

Spero che il prossimo Governo si occupi immediatamente di questa situazione. Perchè ogni giorno che passa ci perdiamo le migliori imprese nel digitale. Ci perdiamo gli imprenditori del domani e l’opportunità di generare sviluppo. Vero, sostenibile, non effimero.

Ho molto apprezzato l’impegno di Antonio Palmieri che insieme a Rao e Gentiloni hanno lavorato ad una misura (il fondo di fondi) che avrebbe fatto affluire risorse finanziarie alle startup in Italia. Risorse guidate dal governo in termini di governance ma gestite non attraverso i classici bandi pubblici, bensì investiti attraverso investitori professionali, come si fa in tutto il mondo. Una delle gambe del Decreto Sviluppo che non è poi però stata finanziata.

Abbiamo milioni di disoccupati (e non) in Italia, e sono la generazione meglio formata nella storia d’Italia. E ci stanno provando. Le startup hanno bisogno di fiducia. Non pacche sulle spalle e ulteriore burocrazia, ma cash.

L’Onorevole Palmieri, che in politica si definisce ‘un verticalista’ (ovvero sceglie pochi temi e su quelli si focalizza) ha confermato che continuerà nel suo impegno per far partire questa misura.

Simone Crolla ha aperto la mattinata con questo bel video, che apre la mente su come si può immaginare una società migliore grazie al digitale.


Massimo Banzi call for Makers opens Monday

Tonight Officine Arduino will party to celebrate its first birthdate. It’s been one year that Arduino R&D department moved to Torino (my hometown) and opened up the first Italian FabLab. Since then the local maker community gathered and started to develop new projects and interconnect with the local environment.

Torino is historically an industrial city and still now, there is a great number of small companies and industrial/production skills that are starting to connect with the growing maker movement. It will be very interesting to see how the mix of these two cultures will generate new things.

It was the occasion for Massimo to launch the ‘Call for Makers’ that will be released Monday the 18th.  Details for partecipation will be published on the site and Maker Faire Europe will start to accept submissions. The most interesting 200 projects will be invited to showcase their products in Rome next October.

There were many projects going on at the Lab, the one below being my favourite. Tonight drinks will be served by an Arduino controlled machine! I foresee a lot of drunk geeks tonight at the party.

IMG_2187

IMG_2182

IMG_2183

IMG_2179


Cominciano ad affiorare i primi video della pioggia di meteoriti in Russia stamane

Impressionante.