I finalisti della Biella Barcamper Competition 2012 al Techgarage

La  prossima settimana (Giovedì 6 Dicembre) si terrà il Techgarage Biella, tappa finale del progetto itinerante “Biella Barcamper Competition 2012”, organizzata da Banca Sella e Successori Reda – Rewoolution. L’evento inizierà a partire dalle ore 14:30, presso l’Auditorium, Centro Congressi di Città Studi – Corso G. Pella 2/B a Biella

Presentano il proprio progetto:

  • Akille.it: Piattaforma di ecommerce per designer
  • Arianna Taylor Made Shopping: App per profilare clienti della GDO
  • Birik Butik: Markerplace di intermediazione tra designer di gioielli e clienti
  • Fandoms: App di social sharing e second screen in ambito sportivo
  • ffwd.io: Ambiente di sviluppo con javascript sul server
  • MoreAbout.it: Piattaforma di accentramento e gestione di big data
  • Mubilo: Piattaforma per creazione app mobile
  • Swap Dress: Portale di dress swapping
  • Tacatì: E-commerce alimentare sulla catena corta
  • Wowcracy: Portale di crowdfunding in ambito fashion

 

Ci si registra per l’evento sul sito TechGarage

 


Gagnam Style, il primo tormentone della rete

“Gagnam Style” di PSY, Park Jae-sang cantante  Sud Coreano è il primo vero tormentone globale completamente generato dalla viralità della rete. Che specialmente tramite YouTube ha sparpagliato il Gagnam Style tra i bambini e i ragazzini di tutto il mondo.

800+ milioni di visualizzazioni, solo in quest’edizione (quella Coreana) e solo su YouTube.


Andras Forgacs presents Modern Meadow

I thought that Organovo was already pretty disruptive, when Andras Forgacs a fellow friend venture capitalist told me he was to take on the position as CEO of a new tissue engineering company: Modern Meadow.

Tissue engineering that combining 3d printing technology and biological ink can develop leather and edible meat. Jawdropping. Printers that can print burgers or jackets.

In this video Andras explains what we are talking about.

And his father, scientist behind Organovo and Modern Meadows technology. Eating a printed steak at TedMED.


Top startup cities identified by Startup Genome: the global rise of startup ecosystems

Startup Genome released today the first ecosystems report: “The Startup Revolution: The Global Rise of Startup Ecosystems And How They Compare”.

Startup creation and capital formation are becoming more and more a science rather than an art: the report measures and compares different innovation ecosystems on a global basis. Data is based on a correlational analysis of more than 50,000 startups around the world that have used the Startup Genome’s product, (Startup Compass, a performance tracking platform).  In the creation of the report Startup Genome collaborated with Berkley, Stanford (Prof. Steve Blank, teaching at Stanford, Berkeley and Columbia) and Telefonica.

Which cities have the highest percentage of high growth technology startups? What makes an ecosystem successfull and which variables are key in this context? What actions should be taken in order to make a specific ecosystem competitive?

Bjoern Lasse Herrmann, CEO of the Startup Genome explains “We created this report for three reasons: to put a spotlight on the emerging high tech startup ecosystems that will be responsible for powering a majority of the world’s economic growth in the future, to further democratize the knowledge needed to create a successful startup and a successful startup ecosystem, and to provide actionable recommendations to all stakeholders”

The 10 most active startup ecosystems are:

1. Silicon Valley

2. Tel Aviv

3. Los Angeles

4. Seattle

5. New York City

6. Boston

7. London

8. Toronto

9. Vancouver

10. Chicago

The report is free and can be downloaded here.

We are experiencing the fast transition from the Industrial to the Information age. Apple is the biggest company today and technology entrepreneurship is a primary growth engine of the data Economy. Falling costs for tech entrepreneurship are creating startups all around the world and dozens of startup ecosystems are emerging.

Tel Avis is the second most active startup ecosystem after the Silicon Valley. Los Angeles, Seattle, New York, Boston and Chicago are the top locations in the US. While Toronto and Vancouver stand out in the top ten. Best European locations are London (7th and only European city to make the top ten chart), Paris (11th), Moscow (14th) and Berlin (15th). The Ecosystem Report has not only identified most active startup cities, but provides also a set of recommendations for how entrepreneurs, investors and corporate development departments can best leverage the global entrepreneurship landscape and how policy makers can create a Startup Ecosystem in their local region to participate in the globalized 21st century economy.

The ranking is built on a combination of 50 different variables combined within 8 indexes (Startup Output, Funding, Company Performance, Talent, Support Infrastructure, Entrepreneurial Mindset, Trendsetting Tendencies & Ecosystem Differentiation from Silicon Valley).

Startup Genome  is a Silicon Valley based startup that spun off (like often happens) a research project from Stanford University. Its founders Bjoern Lasse Herrmann (CEO), Max Marmer (Chief Scientific Officer) and Ertan Dogrultan a data mining guru, met in University while developing the scientific basis of their project.

In the past years Startup Genome released several essays and reports, which have been adopted in Universities, incubators and accellerators around the world. Bjorn and his friends want to crack the DNA of startup success and accelerate the pace of innovation around the world by making entrepreneurship more of a data driven activity. They are building a platform that enables startups to measure their core metrics and most fundamental activities (business metrics, product traction, use of cash performance and several others). Metrics are tracked and benchmark against startups within peer groups.

Steve Blank, said: “The democratisation of entrepreneurship from Silicon Valley and from Startup Ecosystems all over the world is creating new strategies and structures for innovation and disruption. The strategy lessons that we learn from these startups will light the way for a massive restructuring of all corporate organisations in the next 40 year.”

Useful links:

Startup Compass (Startup benchmarking & recommendation tool)

Investor Compass (Investor portfolio tracking tool)

Startup Research (Essays and reports) Startup Genome Report, Premature Scaling Report.

–  Methodology: deciphering startup genome, Startup compass behind the scenes


Eco4Cloud annuncia un round da 2,3 milioni di euro

Eco4cloud ha annunciato di aver completato un aumento di capitale da 300.000 euro e sottoscritto un follow on agreement per ulteriori 2 milioni di euro. Il round è stato sottoscritto da Principia SGR e Digital Investments con advisors Principia e dpixel. Eco4Cloud ha sviluppato una piattaforma tecnologica che consente un significativo risparmio di energia elettrica nei data center, grazie ad un’allocazione intelligente dell’attività dei server.

Ho incontrato il team di Eco4Cloud la prima volta alla StartCup Calabria del 2011, una delle 87 startup che hanno partecipato alla business plan competition. Fondata da 4 ricercatori dell’Istituto di Calcolo e Reti ad Alte Prestazioni del CNR, la società si basa su algoritmi matematici brevettati, che in modo automatico si occupano di allocare le attività delle ‘virtual machines’ in modo da ottimizzarne i carichi e spegnere così quei server che non sono necessari. Una metodologia che consente di risparmiare un terzo del consumo elettrico nel cloud computing. Il team di Eco4Cloud ci aveva subito colpito per l’approccio tecnologico, anche se all’inizio la visione del business era poco definita. Selezionati tra i 17 team finalisti parteciparono alla TechWeek tenuta presso l’incubatore TechNest, una settimana di lavoro insieme in cui ci apparve rapidamente chiaro come il progetto di Eco4Cloud avesse un concreto potenziale. Occorre tener presente che il consumo elettrico dei data center è devastante: per ogni euro di connettività c’è un ulteriore euro circa di costo di elettricità. Risultarono tra i 10 migliori progetti del gruppo e si piazzarono terzi alla StartCup Calabria, guadagnandosi il passaporto per il Premio Nazionale dell’Innovazione dello scorso anno in edizione speciale Working Capital, che poi vinsero.

Carlo Mastroianni, Agostino Forestiero, Giuseppe Papuzzo e Raffaele Giordanelli, fondatori della startup hanno realizzato i loro algoritmi osservando il comportamento delle formiche e notando che se a prima vista i piccoli animali sembrano muoversi in modo casuale, in realtà riescono tutte insieme a creare un sistema che funziona perfettamente con il minimo uso di energia.

La relazione con Working Capital ha consentito alla società di testare il proprio prodotto su uno dei diversi datacenter di Telecom Italia, a Bari che – grazie all’utilizzo del software – è stato in grado di tagliare del 35% la bolletta elettrica. Parallelamente è iniziata una collaborazione con Cisco ed in questi giorni il lancio del prodotto a Supercomputing, evento di super geek a Salt Lake City che ha aperto la trattativa commerciale con due importanti data center negli USA.

Marco Patuano, Amministratore Delegato di Telecom Italia, ha annunciato alla recente finale di Working Capital 2012 di Roma un progetto interno per risparmiare circa il 30% di elettricità nel cloud, pari ad un TeraWatt (per dare un’idea è all’incirca il consumo elettrico annuale della città di Milano).

Un progetto che una volta andato in porto consentirebbe alla società un risparmio pari a circa 170 milioni di euro l’anno. Insomma, superfluo dire che Eco4Cloud ci è sembrato un bel business, con inoltre un team tecnicamente molto solido ed un prodotto unico e brevettato.


Paolo Barberis alla Leopolda

Paolo Barberis ha tenuto un talk alla Leopolda “Rivoluzione Digitale Adesso!” in cui descrive gli obiettivi del comitato digitale in sostegno di Renzi. Comitato che comprende amici, esperti e digital champions dell’ecosistema Italiano. Gente come Layla Pavone, Salvo Mizzi, Angelo Falchetti, Stefano Quintarelli, Alessandro Sordi, Carlo Massarini.

Nonostante il digital divide, siamo in 30 milioni di Italiani a vivere tutti i giorni nel digitale. Sappiamo quanto si può fare e quanto si potrebbe fare. Con le possibilità oggi offerte dalla tecnologia digitale potremmo far funzionare la cosa pubblica e quella privata in modo molto più efficiente e performante. Paolo ha raccontato le sue idee su come occorre usare il digitale come strumento di crescita, trasparenza, efficienza. Open data ma soprattutto obiettivi concreti. Portare la quota digitale del PIL al 5% entro 3 anni. Usando la leva e gli strumenti offerti oggi dalla digitalizzazione e stimolando l’imprenditorialità giovanile soprattutto con le startup. Per ricreare un’infrastruttura di nuovi servizi e nuove aziende di successo in modo sistematico, continuativo e sostenibile. Puntare sul rilancio e recuperare in competitività, recuperando lo spread digitale che si è accumulato negli ultimi anni.


Tech cities: il Silicon Roundabout di Londra

In UK ICT, software e digitale rappresentano 12% del PIL (140 miliardi di pound). La città di Londra ha creato TCIO (Tech City Organization) con lo scopo di attrarre intorno al ‘Silicon Roundabout’ startup e investitori, fornendo loro il supporto per espandersi sui mercati globali. Londra, in concorrenza con Berlino, ambisce a diventare la tech capital Europea.

Il Silicon Roundabout, a East London, ospita colossi come Google e centinaia di startup. Incubatori come Seedcamp e White bear Yard, investitori come Accel e Index ventures. Per realizzare questo progetto visionario, l’Amministrazione ha chiamato un autentico digital champion: Joanna Shields lascerà il suo posto di capo dell’Europa e MENA di Facebook, per assumere la direzione di TCIO. Joanna in aggiunta farà da ambasciatore internazionale dell’high tech Inglese

Tech City sta trasformando la zona di East London, recuperando l’area urbana tra Old street e Shoreditch che si sta nel frattempo riempiendo di startup high-tech e creative.