Anima e ipad

Ho appena finito la prima lettura di Anima e Ipad, l’ultimo libro di Maurizio Ferraris. Un libro che consiglio assolutamente, un must per chi è appassionato di filosofia e tecnologia. Di Internet, della semantica e dell’ontologia. Di come sono veramente le cose e di quanto siamo circondati dal mistero del bianco e del nero. Del bene e del male. Della vita, della morte e dell’eternità.

Il percorso di Ferraris, che dal mio angolo di interesse è nato con Documentalità. Perché è necessario lasciar tracce (I Robinson. Letture) ci racconta come oggi siamo un pezzo di quella incredibile macchina che è la vita. Di quel codice software che alcuni miliardi di anni fa ha cominciato ad evolvere. Di quel mistero che è la nascita, il momento in cui il nostro hardware comincia ed incidere nel codice software del DNA la nostra anima. La registra e tramite essa comincia a decodificare il mondo circostante. Gli altri e se stessi. La coscienza si registra come su un hard disk biologico, risponde secondo regole che sembrano predefinite ma includono millenni di evoluzione. Di continuo cambiamento, impercettibile ma ogni volta radicale, decisivo.

Filosofia e tecnologia. Automi ma con libero arbitrio, la nostra anima oggi si trascrive e si diffonde su Internet. In Flickr, Timeline, Gmail e i mille social media che come virus diffondono pezzi di realtà e di finzione. Vita e morte. Insomma un libro che consiglio: anima e ipad

Annunci


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...