Startup e innovazione fioriscono a Firenze

Di nuovo, il sapore in bocca lasciato dalla tappa di ieri di Working Capital è che decisamente qualcosa di concreto e duraturo stia succedendo in Italia sul fronte dell’innovazione e che anche a Firenze c’è un sacco di startup activity in corso. Intanto abbiamo sfondato il muro dei Mille iscritti e ad oggi si sono caricati sul sito di Working Capital 1.685 team con i loro progetti, circa 700 solo nell’Internet, 470 nell’innovazione sociale ed oltre 500 tra scienze della vita e ambiente. 3-4 mila giovani ricercatori, imprenditori che hanno un’idea per il futuro. Un numero che impone una riflessione, poichè se la statistica del venture capital non è un’opinione tra tutti voi che avete partecipato ci sono almeno 100-200 progetti ad alto potenziale.

Per quanto mi concerne, tutti i finalisti di ieri meritavano di ottenere un grant, alcuni su temi fondamentali come l’acqua, la necessità di trovare strade nuove per finanziare la cultura ed infine sul tema del social CRM, centrale oggi nel marketing digitale. Ma quelli in palio ieri erano solo due. E così hanno vinto la tappa il team guidato da Carlos Coda Zabetta, che sta sviluppando Bilistick, un device per la diagnosi veloce e a basso costo dei livelli di bilirubina nei neonati, tecnologia che oltre a salvare potenzialmente molti bambini, potrebbe impattare in modo significativo sui tempi e costi di degenza neonatale, e Julinda Stefa che ha fatto una presentazione killer di Clone2Cloud, un’architettura che attraverso l’uso del cloud computing intende potenziare la capacità computazionale degli smartphone riducendone i consumi elettrici e consentendo potenzialmente nuovi tipi di applicazioni dei terminali.

Vincitori battezzati direttamente online con un tweet di MarcoPatuano:

#wcap – WINNER del secondo grant BILISTICK. Dall’Argentina a Trieste. Quanti km deve fare una buona idea per trovare i fondi !

#wcap – WINNER del primo grant CLONE2CLONE. Ha preso una montagna di voti e mi è piaciuto alla grande. Brava Julinda: si vede che ci credi !

Un grazie a tutti quelli che sono saliti sul palco ha raccontare la loro storia, ed uno particolare ai fondatori di Dada, architetti e costruttori dell’Internet Italiana e a Fabrizio Capobianco per averci ispirato con il suo bellissimo talk che spiega agli Americani, Why Italians do it better.

Prossima tappa Trieste, fatevi sotto.

Annunci

One Comment on “Startup e innovazione fioriscono a Firenze”

  1. Stefano Angelo ha detto:

    effettivamente tutti progetti estremamente interessanti. la giuria avrà “sudato”… e non poco!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...