Record di progetti a Principi Attivi 2010: 2.050 progetti presentati

Si è chiuso il bando Principi Attivi 2010, una delle
iniziative di Bollenti Spiriti, organizzazione dell’Assessorato alla
Trasparenza e alla Cittadinanza della Regione Puglia. Inizia in questi giorni
la selezione dei migliori talenti all’interno di un ‘dealflow’ generato di ben
2.050 progetti. Un successo che non nasce per caso: nel giro di due anni
Bollenti Spiriti è diventata la community di riferimenti dei giovani Pugliesi
che vogliono cambiare la propria regione e il proprio futuro.

Lo scopo dell’iniziativa è molto semplice ed è volta a
valorizzare, responsabilizzare e attivare i giovani talenti Pugliesi, chiedendo
loro di proporre idee meritevoli in tre campi: tutela e valorizzazione del
patrimonio, sviluppo dell’economia della conoscenza e dell’innovazione,
inclusione sociale e cittadinanza attiva.

Per promuovere il bando oltre alla vasta attività online (il
gruppo Facebook da solo ha oltre 17.000 amici) lo staff della Regione ha svolto un tour
che si è concluso a metà Giugno: 48 incontri pubblici in tutte le sei province
coinvolgendo associazione ed enti locali. E coinvolgendo direttamente 5.000
giovani innovatori Pugliesi. Agli incontri hanno spesso partecipato i vincitori
della precedente edizione del bando per raccontare la propria esperienza.

Il bando è semplice, chiaro e conciso (LINK) un esempio di
come si può legiferare e amministrare anche in Italia usando un linguaggio che
chiunque di noi è in grado di comprendere. Verranno assegnati 2,2 milioni di
euro per un importo massimo ciascuno di 25.000 euro. I vincitori del bando
dovranno costituirsi in Puglia nella forma societaria od organizzativa più
idonea al progetto per poter attivare il finanziamento.

Possono partecipare sia Italiani e stranieri purchè
residenti in Puglia da almeno 2 anni. Team informali di almeno due persone, ma
– e qui sta il bello – “Non possono presentare domanda di candidatura
associazioni, società, enti e organizzazioni  comunque denominate, già formalmente costituite prima
dell’invio della stessa domanda.”

Un taglio netto ed una scelta molto precisa scegliendo di
finanziare nuove idee, nuovi talenti e nuova imprenditorialità.

Il primo bando ha consentito a 1.279 giovani pugliesi di dare
vita a 287 nuove associazioni, 20 cooperative e 114 nuove imprese. Tutte le
associazioni e le imprese che hanno concluso il periodo finanziato sono ad oggi
attive.

Il tutto è ampiamente documentato in modo assolutamente trasparente
online.

I Principi Attivi Pugliesi, operano oggi per recuperare e
animare musei, castelli, biblioteche pubbliche, centri storici e aree di
interesse ambientale su tutto il territorio regionale. A Cassano Murge, i
ragazzi di Geopolis stanno realizzando, in collaborazione con il comune, un
progetto per combinare produzione di energia e smaltimento dei rifiuti. Nel
campo delle rinnovabili sono nate diverse startup: Energelios, Enercorp, Energy
System e Microturbine, Mosaico Energia 
che sperimentano nuove soluzione nell’eolico e solare. Ma i Principi
sono attivi anche nel web 2.0 come E-Taras (servizi di comparazione prezzi)
e  Sopo.it.

A Calimera ha sede la prima impresa in Puglia di produzione
di pannolini lavabili mentre NatLab, in collaborazione con uno spin off
dell’Università di Bari, lavora alla formulazione di detergenti naturali. A Bari
è nata Bici Express e i ciclo risciò di Veloservice che accompagnano i
croceristi in visita alla città.

Ben 49 progetti sono dedicati all’innovazione e
trasferimento tecnologico: società per la produzione di componenti in carbonio
per l’aeronautica (Blackshape di Bari), lo sviluppo di software innovativi per
l’ottica (ISE di Alezio), lo spin off dell’Università di Bari per l’uso del
laser a scopi commerciali (ALIL di Bisceglie), il metodo per eliminare il tpc
dai tappi di sughero (PT Corck di Trani), la sperimentazione di nuovi metodi di
irrigazione di precisione nella produzione di vini (Suitable water di
Valenzano).

88 progetti sono legati allo sviluppo dell’economia del
turismo. Si va dai sistemi informativi per telefoni cellulari o tramite
chioschi interattivi (Quiwi di Polignano a Mare), all’agenzia per il turismo
responsabile (Tesori a Sud Est di Putignano), alla valorizzazione dell’asino di
Martina Franca (I tratturi dell’asinello) fino alla creazione di un parco avventura
a Corsano.

Con questi numeri Principi Attivi è oggi la più importante
attività di innovazione partecipativa ed open innovation proveniente da un’amministrazione
pubblica Italiana, un benchmark per le altre amministrazioni pubbliche. Un’iniziativa
che con poche risorse, molte buone idee e un’eccellente capacità di esecuzione
sta trasformando dal basso la Puglia nel giro di pochi anni.

Il 13 Luglio Working Capital sarà a Bari, terra fertile per
le startup. Alla tappa di Bari dovremo assegnare 'on the spot' 5 borse di studio da 20.000 euro. Non vedo l'ora.

 

Annunci


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...