Lettera aperta consegnata all’Onorevole Carlucci

L'altro ieri ho consegnato all'Onorevole Carlucci la lettera aperta, postandola sul suo sito (il post non è ancora apparso ad oggi però sul blog, per cui lo ripubblico qui):

Onorevole Carlucci,

sono rimasto sconcertato dalla sua proposta di legge e dalle dichiarazioni pubbliche del consulente che lei ha scelto per redigere il dispositivo, dalle quali si desume una chiara incompetenza in materia oltre ad una personale avversione rispetto alla rete che a leggere dal suo blog mi sembra anche condivisa da lei. 

Sconcertato al punto di pubblicare una lettera aperta che le consegno digitalmente, inclusa dei commenti di decine di Cittadini che come me utilizzano, apprezzano e conoscono Internet come luogo di espressione, libera informazione, comunicazione e divertimento.

Può stampare la lettera e i commenti qui:

http://gianlucadettori.nova100.ilsole24ore.com/2009/03/lettera-aperta-allonorevole-carlucci-e-a-davide-rossi.html

Ritengo la sua sua proposta sbagliata, inutile e controproducente. Inoltre è tecnicamente inattuabile, probabilmente anticostituzionale ed evidenzia una totale incomprensione di cosa sia e come funzioni la rete e soprattutto trasmette un'idea di Internet distorta e lontana dalla realtà: il luogo di perdizione dove gli orchi cattivi adescano i bambini.

Al contrario Internet è un valore da difendere, tutelare e diffondere perchè promuove la conoscenza, il progresso economico e in ultima analisi la competitività di un paese. Non a caso in tutto il mondo si combatte contro il digital divide.

Chiunque utilizza Internet è in grado di comprendere come limitare la pubblicazione anonima di contenuti sia la cosa più lontana che si possa immaginare da quello che serve per combattere realmente il fenomeno. 

Quando poi emerge che il suo consigliere è  presidente della lobby degli editori è evidente che in tutti noi si ingenera il legittimo sospetto che il vero obiettivo del provvedimento sia ben altro.

Le sarei grato se volesse partecipare alla discussione sul mio blog e esporci in maniera articolata come pensava concretamente di attuare tale provvedimento senza danneggiare milioni di cittadini e mi auguro di convincerla a ritirare la proposta o modificarla in modo sostanziale,

cordialmente

Gianluca Dettori

PS. Ho estratto dal suo sito un suo virgolettato che è 'self explaining' a favore di chi legge:

'Non possiamo continuare a permettere che orchi travestiti da agnellini, sfruttando l’anonimato assicurato dalla rete, utilizzino Internet per adescare giovani prede. Il caso del professionista di una cittadina vicino Napoli, arrestato ieri con l’accusa di aver adescato una minorenne offrendo false generalità e fingendosi suo coetaneo, lo dimostra drammaticamente. Dietro nickname fantasiosi spesso si nascondono terribili pericoli per i nostri figli'
Onorevole Gabriella Carlucci
Annunci

4 commenti on “Lettera aperta consegnata all’Onorevole Carlucci”

  1. Marco Bonotto ha detto:

    Facendo riferimento unicamente a quegli aspetti di legalità internet per combattere la pedofilia (dal contenuto della proposta di legge non sembra esclusivamente così mirato), e considerato che non ho trovato supporto statistico (dati di riferimento su quanto si relaziona) da parte di chi l’ha proposta.
    -Poniamo il caso che questa legge passi inclusi i commi 3 e 4 dell’Art.2 che niente hanno a che vedere con la pedofilia.
    -Poniamo il caso che ci sia il miracolo e tecnicamente diventi possibile attuarla.
    -Poniamo il caso che l’ente preposto al controllo sia il massimo dell’obiettività e non in palese conflitto di interessi.
    -Poniamo il caso che tutti gli stakeholders (incluse associazioni dei consumatori) benedicano il tutto.
    -Poniamo il caso che tutti i cittadini si sentano protetti nella loro privacy e che il garante non sarà inondato di segnalazioni di violazione.
    -Poniamo il caso che le forze di polizia ricevano tutte le risorse necessarie per effettuare gli interventi.
    Poi che succede?
    La capacità applicativa delle leggi attuali (che non verranno sostituite dalla nuova proposta di legge) permette di consegnare alla giustizia chi compie questi ignobili reati?
    Nel 2000 succedeva questo:
    http://www.repubblica.it/online/cronaca/pedof/pedof/pedof.html
    Ed oggi? Tutti i familiari accusati (che per carità fino a prova contraria sono innocenti…) che erano il 63% delle segnalazioni dove sono? Sono andati tutti in internet mi viene da pensare. Gli orchi estranei risultavano al 9%. Chissà mai se qualcuno poi si scambi i messaggi tramite la posta ordinaria, magari alle caselle postali anonime.
    Ho preso a riferimento una situazione datata, per capire se dopo 9 anni le statistiche dimostrano un’efficienza ed efficacia maggiore nell’applicazione delle leggi già esistenti in merito.
    Onorevole Carlucci, mossa da un nobile intento, Le chiedo cosa ne pensa. Possibilmente con statistiche alla mano aggiornate sulle variazioni (quindi prendendo a riferimento i medesimi criteri) rispetto al 2000 perché le parole hanno un peso certo. Ma meglio ancora se ben accompagnate da numeri.
    Ci dimostri che Lei farà da esempio a noi tutti con una bella azione di trasparenza.
    Qui su questo demoniaco internet in cui e da cui si nascondono gli Orchi.
    Dimostri che noi cittadini, anche se non l’abbiamo votata ma rispettosi del ruolo istituzionale assegnato, avremo modo di constatare che Lei sta offrendo un contributo concreto per migliorare il funzionamento delle leggi esistenti, perché se non funzionano quelle determinanti…

  2. Gianluca g. ha detto:

    Questo il mio commento sul sito della Carlucci.
    “E’ fatto divieto di effettuare o agevolare l’immissione nella rete di contenuti in qualsiasi forma (testuale, sonora, audiovisiva e informatica, ivi comprese le banche dati) in maniera anonima.”
    Onorevole Carlucci,
    in quanto cittadino italiano, le confesso che sono veramente indignato e deluso che la classe dirigente italiana possa pensare a una proposta del genere.
    Lei pensa con questa proposta di andare nell’interesse della tutela dei cittadini, ma lei lo sa che ogni commento che viene inserito su un forum, su un blog o su Facebook con il nostro nome e cognome diventa ricercabile su google dal giorno dopo?
    Non le sembra forse una violazione della privacy il fatto che qualunque cosa uno dica sia ricercabile da TUTTI per SEMPRE?
    E inoltre, uno dei poteri di internet è proprio quello di dare spazio alla libertà, al potersi esprimere senza necessariamente avere un nome e un cognome, al dare spazio alle idee di tutti: che senso ha limitare questa potenzialità?
    Perchè solo i giornalisti devono potere avere la possibilità di dire la loro?
    Internet sta portando democrazia nel mondo, e leggi come queste (seppur dubito che tecnicamente sarà mai possibile farla rispettare) cercanodi boicottarla.
    Mi dichiaro fortemente deluso. Quast’anno sto studiando un master all’estero e alla fine dell’anno dovrò decidere se tornare in Italia o no. Sinceramente leggi come questa mi fanno passare sempre di più la voglia di tornare in un paese che non dà spazio alla libertà e non tutela la privacy dei suoi cittadini.
    Saluti,
    Gianluca

  3. Angelo D'Addesio ha detto:

    Nell’epoca della pluralità delle voci, si vogliono sempre meno voci. Ed il popolo sovrano in nome dell’economia, del risparmio dira ben presto di sì anche a questo. D’altronde in un paese molto “vecchio”, è facile, facilissimo far passare i blog come qualcosa di inutile, superfluo, eccessivo e quindi fraintendere l’uso della comunicazione e della libera espressione e sottoporlo a controllo o gabello. Poi ci sarà anche il solito manganello della privacy…In nome del risparmio e del guadagno (anzi di una deformante teoria del risparmio e del guadagno), molti popoli hanno volentieri barattato la loro libertà di parola, di innovazione, di creatività, di contatto con il mondo. Noi siamo i prossimi? Spero di no, ma credo di sì.

  4. emilio ha detto:

    A dimostrazione di come il governo metta i suoi uomini ( in questo caso una donna) migliori, più elastici e disponibili al confronto a discutere delle problematiche più importanti ecco qua un esempio della rara sensibilità ed intelligenza dell’Onorevole Carlucci, davvero onorevole..



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...