Manuale di good practices di venture capital

Bellissimo articolo di Fausto Boni, un manifesto per la rifondazione della finanza mondiale. Un venture capital: virtuoso, a lungo termine, equo, meritocratico, prudente, trasparente.

Bel talk di Kawasaki: il venture capital è come il dating.


amointernet.it


amointernet.it – 1
Originally uploaded by david.orban

Penso che Internet sia uno dei diritti fondamentali che noi uomini abbiamo conquistato. Diritto che andrebbe rafforzato e incentivato per l'impatto positivo che sta avendo sulla nostra società ed economia.


Sta esplodendo il mercato degli e-book negli USA

Bezos dichiara che Amazon ritiene di vendere un milione di Kindle quest'anno e farà circa 1,2 miliardi di dollari di e-book nel 2010. La seconda versione del device sta andando a ruba. Intanto cominciano ad uscire le prime testate giornalistiche su Kindle oltre ai libri e ai Kindle Blogs.


Il governo in materia di Internet

Berlusconi non ne sa nulla, la Carlucci mette all'asta le Barbie e si affida all'ormai ben noto Davide Rossi, lobbysta delle aziende media old syle, D'Alia tratta l'argomento come abbiamo visto.

Mi sa che abbiamo un grosso problema sui temi della società digitale, no? Gli interlocutori rientrano in 3 categorie:

– anziani
– incompetenti
– contrari

Esiste al Governo o in Parlamento qualcuno che non rientra in queste tre categorie? Se ne conoscete per cortesia indicatemeli…


Emendamento D’Alia nel pacchetto ‘sicurezza’

Già approvato al Senato il pacchetto Sicurezza, che contiene quella chicca dell'emendamento D'Alia, in base al quale tra un paio di mesi (non appena passa anche alla Camera) Maroni ha la possibilità di chiudere YouTube o Facebook.


HTC Dream e Magic: arriva il Googlephone

Sono stati presentati ieri a Milano due telephonini HTC con Android a bordo, che consente di sviluppare applicazioni collegate ai servizi di Google. Telefonini veloci grazie a Wifi e al wireless (HSDPA) per download rapido di informazioni e contenuti.

Sviluppatori, ci sarà l'Android market. Fatevi sentire…

Purtroppo su Android Market l'Italia non è abilitata per ora!

Ecco cosa si può fare.


Lettera aperta consegnata all’Onorevole Carlucci

L'altro ieri ho consegnato all'Onorevole Carlucci la lettera aperta, postandola sul suo sito (il post non è ancora apparso ad oggi però sul blog, per cui lo ripubblico qui):

Onorevole Carlucci,

sono rimasto sconcertato dalla sua proposta di legge e dalle dichiarazioni pubbliche del consulente che lei ha scelto per redigere il dispositivo, dalle quali si desume una chiara incompetenza in materia oltre ad una personale avversione rispetto alla rete che a leggere dal suo blog mi sembra anche condivisa da lei. 

Sconcertato al punto di pubblicare una lettera aperta che le consegno digitalmente, inclusa dei commenti di decine di Cittadini che come me utilizzano, apprezzano e conoscono Internet come luogo di espressione, libera informazione, comunicazione e divertimento.

Può stampare la lettera e i commenti qui:

http://gianlucadettori.nova100.ilsole24ore.com/2009/03/lettera-aperta-allonorevole-carlucci-e-a-davide-rossi.html

Ritengo la sua sua proposta sbagliata, inutile e controproducente. Inoltre è tecnicamente inattuabile, probabilmente anticostituzionale ed evidenzia una totale incomprensione di cosa sia e come funzioni la rete e soprattutto trasmette un'idea di Internet distorta e lontana dalla realtà: il luogo di perdizione dove gli orchi cattivi adescano i bambini.

Al contrario Internet è un valore da difendere, tutelare e diffondere perchè promuove la conoscenza, il progresso economico e in ultima analisi la competitività di un paese. Non a caso in tutto il mondo si combatte contro il digital divide.

Chiunque utilizza Internet è in grado di comprendere come limitare la pubblicazione anonima di contenuti sia la cosa più lontana che si possa immaginare da quello che serve per combattere realmente il fenomeno. 

Quando poi emerge che il suo consigliere è  presidente della lobby degli editori è evidente che in tutti noi si ingenera il legittimo sospetto che il vero obiettivo del provvedimento sia ben altro.

Le sarei grato se volesse partecipare alla discussione sul mio blog e esporci in maniera articolata come pensava concretamente di attuare tale provvedimento senza danneggiare milioni di cittadini e mi auguro di convincerla a ritirare la proposta o modificarla in modo sostanziale,

cordialmente

Gianluca Dettori

PS. Ho estratto dal suo sito un suo virgolettato che è 'self explaining' a favore di chi legge:

'Non possiamo continuare a permettere che orchi travestiti da agnellini, sfruttando l’anonimato assicurato dalla rete, utilizzino Internet per adescare giovani prede. Il caso del professionista di una cittadina vicino Napoli, arrestato ieri con l’accusa di aver adescato una minorenne offrendo false generalità e fingendosi suo coetaneo, lo dimostra drammaticamente. Dietro nickname fantasiosi spesso si nascondono terribili pericoli per i nostri figli'
Onorevole Gabriella Carlucci

Comunicazione tecnica

Su Nova100 il limite massimo visualizzato su singola pagina è di 50, poichè il post

http://gianlucadettori.nova100.ilsole24ore.com/2009/03/lettera-aperta-allonorevole-carlucci-e-a-davide-rossi/comments/page/1/#comments

ha superato i 70, per vedere quelli successivi occorre cliccare sul link "successivo" in fondo alla pagina.


La svolta dell’Onorevole

Importante iniziativa no-profit  dell'Onorevole Carlucci: il 14 Marzo  ha deciso di lanciare un'asta di beneficenza a favore della parrocchia di Bisceglie. In occasione del cinquantenario dalla nascita delle famosa bambola, la Carlucci si disferà della sua collezione personale di ben 250 Barbie.

Sui blog già i primi commenti… Ora nessuno potrà più dire che in Parlamento si passa il tempo a pettinare le bambole.


Lessig sarà a Milano

VENERDI' 27 MARZO 2009
@19.00
MEDIATECA DI SANTA TERESA

VIA DELLA MOSCOVA 28
MILANO

Il 27 marzo Lawrence Lessig porterà per la prima volta in Italia le sue idee sul ruolo della rete come forma di partecipazione politica democratica. Professore di legge ad Harvard, tra i massimi esperti di copyright, fondatore di Creative Commons, Lessig ha lanciato Changecongress un'importante iniziativa per promuovere una maggiore trasparenza e riavvicinare i cittadini alla politica.