In arrivo degradart II la vendetta?

La Presidenza del Consiglio dei Ministri ha istituito un Comitato Tecnico sulla pirateria digitale e multimediale: è stato attivato un forum online in cui è in corso un dibattito un pò confuso sull’argomento.

Uno dei temi di cui si parla è l’idea di togliere la connessione Internet a chi copia musica illegalmente, sulla scia del provvedimento Sarkozy di circa un anno fa. Provvedimento che da quanto mi risulta fino ad ora non ha prodotto alcun risultato tangibile, evidentemente perchè si tratta di una cosa inattuabile oltre che molto opinabile sotto il profilo della tutela degli interessi collettivi.

Quello che più mi colpisce però è che il dibattito sul forum del Ministero è assolutamente confuso e non indirizzato, al punto di renderlo poco usabile per affrontare l’argomento. Mi sono iscritto e mi piacerebbe partecipare al dibattito ma mi sembra un gran perdita di tempo, soprattutto se poi i risultati sono quelli che lo scorso anno abbiamo avuto modo di apprezzare, con il fenomenale provvedimento ‘degradart‘.

Chissà che topolino genererà l’elefante questa volta. 

Il Comitato è così costituito:

a) dal Segretario Generale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Mario Masi in qualità di Coordinatore.
b) dal Capo di Gabinetto del Ministero dei Beni e Attività Culturali, in qualità di Vice Coordinatore
c) dal Capo di Gabinetto del Ministero dell’Interno;
d) dal Capo di Gabinetto del Ministero degli Affari Esteri;
e) dal Capo di Gabinetto del Ministero per lo Sviluppo Economico;
f) dal Capo di Gabinetto del Ministero della Giustizia;
g) dal Capo di Gabinetto del Ministero delle Politiche Europee;
h) dal Capo di Gabinetto del Ministero della Gioventù;
i) dal Presidente della SIAE;
j) da due rappresentanti della Presidenza del Consiglio dei Ministri, nominati con decreto del Segretario Generale;
k) da due rappresentanti del Ministro per i beni e le attività culturali, nominati con decreto del Ministro;
l) da due esperti del settore, nominati dal Presidente del Consiglio dei Ministri d’intesa con il Ministro dei Beni e Attività Culturali.

Insomma se ho contato giusto, 15 persone. 

Tredici politici e 2 esperti che in teoria dovrebbero capirne qualcosa. 

Mi chiedo se la ragione per cui poi escono fuori proposte tipo  degradart siano da imputarsi alla metodologia, strumenti operativi e all’impostazione del lavoro con cui questi provvedimenti vengono generati, oltre alla evidente scarsa conoscenza dell’argomento.

Annunci

2 commenti on “In arrivo degradart II la vendetta?”

  1. Guido ha detto:

    La degradarte non ha ancora finito di stupire, ne vedremo delle belle anche nel 2009. Intanto, sul metodo di coinvolgimento degli ‘stakeholder’ si può osservare una sostanziale differenza tra sinistra prima e destra oggi. La sinistra fece una bella commissione di ‘intellettuali organici’ e poi fece decidere la SIAE, la destra fa un bel forum online e poi farà decidere la SIAE.

  2. Guido ha detto:

    La degradarte non ha ancora finito di stupire, ne vedremo delle belle anche nel 2009. Intanto, sul metodo di coinvolgimento degli ‘stakeholder’ si può osservare una sostanziale differenza tra sinistra prima e destra oggi. La sinistra fece una bella commissione di ‘intellettuali organici’ e poi fece decidere la SIAE, la destra fa un bel forum online e poi farà decidere la SIAE.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...