Un ecosistema in movimento

Questo fine settimana si è riunita a Venezia l’AIFI, associazione che raggruppa gli operatori del private equity e del venture capital in Italia: si tiene ogni due anni e quest’anno ho partecipato in quanto dpixel si è recentemente associata.

Un paio di centinaia di banker, advisor, consulenti e alcuni rappresentanti di fondi stranieri.

Il team dell’associazione guidato dalla professoressa Anna Gervasoni – direttore generale di AIFI – ha fatto un ottimo lavoro organizzativo: ognuno aveva la lista dei partecipanti e un sacco di occasioni per conoscersi e organizzare riunioni.

Ho avuto la possibilità di incontrare molte persone e parlare di quello che stiamo vedendo dal nostro particolare osservatorio: una nuova generazione di giovani imprenditori italiani con molte idee, pochi capitali e un ecosistema che li circonda ostile e un pò barocco.

Nei panel diverse personalità e imprenditori di successo: Roland Spogli, Ambasciatore USA in Italia, Massimo Cacciari, Sindaco di Venezia, Roberto Siagri, fondatore di Eurotech, Massimo Capuano, CEO di Borsa Italiana, Gian Maria Gros Pietro, Economista, Raffaello Vignali, Vice Presidente della Commissione Industria, Commercio e Turismo della Camera dei Deputati. Fabrizio Capobianco, fondatore e amministratore delegato di Funanbol.

Molto bella la presentazione di Siagri fondatore di un’azienda decisamente sulla frontiera delle tecnologie Internet: quelle ai ‘bordi’ della nuvola. Nel panel di apertura insieme a lui anche Fabrizio Capobianco.

Funanbol ha recentemente completato il suo round B da 12,5 milioni di dollari e Fabrizio ha raccontato la sua storia, visione e la sua azienda. Un progetto ambizioso con potenziale molto significativo. Una strategia chiara con un modello estremamente innovativo, scalabile e con la giusta traction davvero difficile da battere. Funanbol è a mio giudizio la società tecnologica Italiana di maggior successo in Silicon Valley e Fabrizio si sta guadagnando un notevole rispetto nella valle. Una vera bandiera per l’high-tech tricolore.

Il Presidente dell’AIFI Pietro Bracchi ha raccontato la situazione del settore. E’ un momento difficile nei mercati finanziari, uno dei più difficili che si siano mai visti. Ma il private equity in Italia – nonostante la quasi totale assenza degli Istituzionali – ha investito in 302 aziende lo scorso anno: un totale 4,2 miliardi di euro e altri 2 miliardi nei primi sei mesi del 2008 in crescita rispetto al 2007.

Il venture capital è il segmento del private equity meno sviluppato in Italia. Negli ultimi anni però il sistema ha cominciato a formarsi. Sono nati nuovi fondi specializzati ed angel networks e sembra esserci una crescente attenzione. Anche da parte dell’Amministrazione che ha stanziato 86 milioni di euro per favorire la nascita di fondi che investano nel Sud Italia.

Questo segmento è fondamentale per ogni nazione, perchè è lì che nasce l’impresa e si rigenera l’economia di un sistema.

E soprattutto è in quel contesto che si sviluppano i talenti imprenditoriali della nuova generazione. Dispiace vedere come le startup italiane debbano competere in un contesto di sfavore rispetto ai loro simili Francesi, Inglesi, Scandinavi, Israeliani e Americani. Senza n parlare delle solite nazioni emergenti (Cina e India) ora anche in Brasile si sta sviluppando un interessante mercato di venture capital tecnologico. Il capitale umano di questa nazione è oggi ampiamente sottoutilizzato. Ma l’ecosistema ha cominciato a muoversi, anche grazie alla forza catalizzatrice di Spogli e dell’iniziativa Parnership for Growth.

Annunci

One Comment on “Un ecosistema in movimento”

  1. Alessandro ha detto:

    Attenzione, non sono solo i soldi “governativi” che fanno il successo di una impresa. I VC, e lo sai bene, investono sulle persone ed al Sud, purtroppo, spesso le persone e la cultura non sono quelle giuste per un investimento. Altra cosa, come dice Giavazzi, i ragazzi che dal Sud emigrano e diventano i migliori…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...